artis: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9

lirik lagu 1991 (intro) – jamil

Loading...

1991 1991 1991…
ok! per tutti quelli che mi hanno lasciato
fanculo
per tutti quelli che hanno dubitato di sta merda
fanculo
per le volte a scrivere fino alle sei del mattino
tanto qui siamo soli, no?!
non c’è via d’uscita
1991 1991 1991…
sono nato voodoo
vivo voodoo
e morirò voodoo, no?!
ok! yeah! sono il nirvana, ketama, l’avana, tiwana
chi si fuma e ruba questa marijuana
lei è tutta nuda con la mia collana
ho fatto rap di strada senza mai le lame
senza feat, senza mendicare
con che coraggio vieni a giudicare?!
sono gli altri rapper che sono puttane
sono le altre merde che non sanno fare
sono giù a verona che non so che fare
quanti anni ho perso baby a starti dietro, pensavo amarti fosse un affare
sono santo padre, sante pare
sono santo vuoto senza poi le scale
sono il sant’oro, ch’ò il santo goro perche quando rappo sembra un funerale
siamo vodoo gang, vodoo c.o.d, vodoo smoka, vodoo e basta
se smetto col rap mi faccio una band voodoo rock, voodoo sabbat,
vodoo mama,
mi ha scelto vacca
ogni mio video sembra una kappa
rap cuchido prendi la giacca, metti il new era e adesso scappa
vieni a farti una notte fra in camera mia, vorresti il mio posto
100 donne che poi non conosco
ma mangio e dormo nello stesso posto
sento freddo e caldo quando torno qui
sempre il frigo vuoto quando torno qui
a verona è niente pure il venerdì
sento tutti dire torna ad mi
sento tutti andare fra da un altra parte
altra casa, altra partner
avessi altro a parte questo partirei di certo per un altra parte
ma non ho le palle per andare via
non fumare sembra quasi una fobia
mai scambiato merda per una poesia
mai aperto bocca con la polizia
non ho fatto i soldi poi con il macbook
sono lo stesso stronzo di black block
non ho detto grazie no ti prego
la città mi odia davvero
ed è per questo che ancora non me lo spiego
che quando suono riempo l alter ego
sono io che posso, tu no
sopra un culo grosso come jay loe
quando il mare è mosso, quando chiami “posso”, sono la quarta j, tu no
sono 30 gradi senza siesta
tony montana, la mia festa
pensare piano fuori di qua
ho fatto i treni gratis come un punk abbesti